sabato 11 settembre 2010

Atarashii







Durante il corso di patchwork avanzato di Anna Diversi abbiamo appreso la tecnica dell'Atarashii, una tecnica patchwork giapponese che prevede la formazione di formelle quadrate,triangolari o a cerchio quasi interamente realizzate a mano; la diversità dal patchwork tradizionale sta nel quiltare una formella per volta già nei tre strati (sopra,imbottitura e retro) quindi una volta ottenute il numero di formelle desiderato, a seconda del disegno finale, si assemblano insieme cucendole lato con lato con punti nascosti.



Già...ne approfitto per ringraziare la mia maestra che circa 5 anni fa, per merito di una chiacchierata sul patchwork, nella sua libreria, mi ha fatto entrare in questo magico mondo delle pezze....con la sua dolcezza e infinita disponibilità ci ha trasmesso il contagio e il suo sapere sul patchwork. Grazie di cuore Anna!!

11 commenti:

  1. Carme che piacere conoscerti e che lavori meravigliosi fai!!!! io adoro il patchwork ma non lo faccio quasi più e di certo non capolavori come questi, la copertina con le girandole è magnifica, ora ti metto nei miei creativi preferiti! a presto Ely

    RispondiElimina
  2. questo lavoro è fantastico
    complimenti

    RispondiElimina
  3. è un lavoro unico e bellissimo. a presto

    RispondiElimina
  4. Bellissimo, complimenti!!!
    Ciao
    Roberta

    RispondiElimina
  5. ciaoo giro di qua e giro di là ed eccomi fermarmi qui!! Ma che meraviglia!! Ma quanta pazienza hai?? Che mani d'oro è un capolavoro magari fossi in grado di realizzare una meraviglia del genere. D'ora in poi ti seguirò
    complimentissimi
    barbara

    RispondiElimina
  6. Ciao! che piacere conoscerti, e che bello dev'essere vivere all'Elba, un pò ti invidio adesso che il cielo inizia ad essere grigio...
    Sei veramente bravissima, io impazzirei per realizzare un lavoro del genere, complimenti!!
    Grazie anche per esserti iscritta al mio candy :)
    a presto, un bacio
    Giulia

    RispondiElimina
  7. Sembra dipinto cara Carmen...io mi chiedo come è possibile una precisione simile con l'ago e le forbici!!! Per me sarebbe impossibile!!!!

    RispondiElimina
  8. Semplicemente fantastica sorellina.... Senza parole...

    RispondiElimina
  9. Bellissimo!
    Quindi questo viene assemblato dopo essere stato imbottito?
    Penso sia la cosa più adatta a me, che detesto sia l'impuntura ma soprattutto il lavoro di assemblaggio, con quelle tele così grandi mi si arriccia tutto e ci litigo!
    Adesso mi segno il nome della tecnica, devo assolutamente saperne di più!
    Grazie per questa dritta!
    Ciao, Heidi

    RispondiElimina
  10. è davvero stupendo! complimenti!

    RispondiElimina
  11. Brava! È bellissimo mi piacerebbe molto imparare questa tecnica. È' così complicata come sembra?

    RispondiElimina